In Alto Adige si pensa alle norme per il fotovoltaico integrato

16 marzo 2011
  

In Alto Adige si pensa alle norme per il fotovoltaico integrato
Il TIS innovation park e l’Accademia Europea di Bolzano (EURAC) stanno contribuendo a redigere una normativa, che sarà valida in tutta Europa, per i sistemi fotovoltaici integrati negli involucri degli edifici. Si tratta di una tipologia per cui non esistono norme specifiche, ma per la quale è importante conoscere risposte a domande come il grado di resistenza agli urti e al fuoco che questi prodotti innovativi posseggono.

Le attuali normative che regolano la realizzazione di impianti fotovoltaici non sono sempre compatibili con quelle relative alla costruzione dell’involucro. Gli elementi che compongono l’involucro edilizio, ad esempio, devono essere resistenti al fuoco e i pannelli fotovoltaici oggi non lo sono. Un altro aspetto critico riguarda la resistenza all’impatto: un impianto fotovoltaico integrato nell’edificio deve essere in grado di resistere a un forte urto mantenendo elevati standard di sicurezza, questo significa, ad esempio, che la parte vetrata può rompersi, ma non deve in nessun modo ferire le persone o poter essere attraversata da oggetti potenzialmente pericolosi per gli occupanti dell’edificio.

Stefano Prosseda del TIS e Matteo Del Buono dell’EURAC sono gli esperti tecnici nominati dal Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) in rappresentanza dell’Italia presso il gruppo europeo che lavora alla stesura della norma sugli impianti fotovoltaici integrati nell’involucro edilizio. «Attraverso il TIS e l’EURAC le aziende altoatesine attive nel settore fotovoltaico – edilizio potranno informarsi sugli sviluppi ed eventualmente contribuire all’elaborazione della norma» spiegano i due ingegneri.

Un’inchiesta pubblica partita dall'ente normatore europeo CENELEC (Comitato europeo di normazione elettrotecnica CENELEC) ha fatto emergere l’esigenza di maggiore chiarezza sui requisiti di sicurezza dell’integrazione dei sistemi fotovoltaici negli involucri degli edifici; è stato deciso quindi di creare un gruppo di lavoro che definisca uno standard tecnico comune in Europa. «Le norme tecniche vengono scritte dai migliori del settore» afferma Stefano Prosseda, responsabile del punto UNI-CEI al TIS, il punto informativo che fornisce supporto a numerose aziende altoatesine su normative nazionali e internazionali, assistendole nella certificazione o nelle diverse fasi di sviluppo di un nuovo prodotto.

"EURAC si occupa da anni di qualità dei componenti e delle installazioni, soprattutto integrate in edilizia; le esperienze che abbiamo raccolto ci hanno pertanto permesso di essere scelti per rappresentare l’Italia in qualità di esperti del settore" dice Matteo Del Buono, ricercatore senior nel settore dei sistemi fotovoltaici presso l’Istituto per le Energie Rinnovabili dell’EURAC.





comments powered by Disqus